News ed Eventi
 
 
  • 2018-07-07

    Notiziario di Etnostoria Garganica - 0 n. 1 -   La pubblicazione sannicandrese : il...
    Leggi tutto...

  • 2018-05-29

    Sannicandro G.co e la solennità del Corpus Domini - 1995 - La solennità del Corpus Domini per i...
    Leggi tutto...

Contatti
 
 
Telefono:
    (+39) 0882-472369
Il responsabile Carmela Stigliani
Statistiche
 
 
Visitatori di oggi:

Visitatori totali:
 
 
 
 
 
 
 
 
 

La Modonna della Salette – 19 settembre Nella nostra cittadina in Via Fabio Filzi al numero civico 31 è ospitato il trittico : Madonna della Salette, Massimo (Massimino) e Melania (Melanina). L’abitazione apparteneva alla signora Carolina Leggieri ( oggi degli eredi) nacque a S.Marco in Lamis il 22 luglio 1910. La statua della Madonna ( originariamente solo con il busto, successivamente ristrutturata ) è probabile che sia pervenuta da Napoli, commissionata da qualche famiglia di S.Nicandro G.co. Agli inizi del ‘900 era esposta presso la Chiesa di S.Giorgio (Terra Vecchia ), proprio dove adesso c’è la statua di S.Giorgio ( altare laterale di sinistra, per chi vi entra ). Tra il 1918 e il 1920 i Confratelli della Chiesa di S.Giorgio, acquistarono dalla Parrocchia del Carmine in S.Severo la statua di S.Espedito e la collocarono al posto della statua della Madonna della Salette. La Madonna rimase senza il suo spazio e ad ospitarla provvisoriamente in casa fu : De Felice Maria ( Maria d’ C’lomma Sp’tidd’ ) che , successivamente venne trasferita presso la Chiesa di S.Maria delle Grazie al Convento. Negli Anni ’20 la Curia di Lucera fece obbligo ai possessori di statue sacre di versare nelle sue casse delle somme in danaro ( come tassa-contributo ) da destinare agli orfani della Grande Guerra. Essendo la famiglia De Felice numerosa, “cedette” il trittico alla signora Rosa Melchionda ( Rusunella u’ Marc’sin’ ). Alla scomparsa di Rusunella, la Madonna fu costretta a subire un altro trasferimento : presso la cappella cimiteriale del Purgatorio. Negli Anni ’40 ad opera del Comune avvenne la demolizione della suddetta cappella e, ancora una volta questa storica statua fu ospitata presso l’abitazione della famiglia Leggieri, dove a tutt’oggi è possibile ammirarla.

 
 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda la raccolta esclusiva di fotografie del Museo.